Missione Allestimento Archivi Offerta didattica Sede I luoghi dei Briganti Crediti
  Home > Archivi > Schedatura briganti "criminali" 


Schedatura briganti "criminali"


 

1. Archivio “Criminale”
Foto di briganti – Torre della memoria

Briganti ritratti in situazioni diverse: nel cortile del carcere, ammanettati, poco prima dell’esecuzione o “in posa da briganti”con il fucile in mano, come suggeriva una consolidata scena di genere; in campagna, alla macchia, uccisi ma ricomposti come se fossero ancora vivi e temibili; oppure uccisi e mostrati inesorabilmente vinti.
Consulta>>

2. Archivio
Bandi, Proclami, Editti
Manifesti affissi nelle piazze per informare i cittadini del volere, dei successi e delle preoccupazioni del potere istituzionale. Le scritture esposte erano le forme principali di coinvolgimento della popolazione e di ricerca di consenso contro le azioni dei briganti.

3. Archivio
Forme di individuazione antropologica
S critture riservate redatte soprattutto dalla polizia che con regolarità controlla i movimenti degli individui, in particolare quelli delle classi pericolose, che nei paesi del Basso Lazio erano sopratutto pastori e contadini.

4. Archivio Storico
La visione militare
Sulla base del fondo “Brigantaggio” in possesso dell’Archivio dello Stato Maggiore dell’Esercito e dell’Archivio storico di Napoli, una raccolta di documenti (1859-1871) relativi all’area del confine tra Stato della Chiesa e Regno borbonico ed in particolare attinenti le bande di briganti, il rapporto tra militari e comunità, episodi delittuosi significativi.

5. Archivio e ascolto
Voci in dissenso e contraccolpi morali (CD)
Testimonianze significative di coloro che, in modo palese o implicito, espressero critiche nei confronti dei modi in cui fu condotta in epoche diverse la repressione del brigantaggio. Dichiarazioni all’insegna della perplessità, dell’aperto contrasto o dell’ironia nei confronti del trattamento riservato ai briganti. Talora da parte degli stessi ufficiali impegnati nella repressione si levarono proteste, mugugni, interpretazioni divergenti .

6. Archivio iconografico
Il costume del brigante e della brigantessa
Testimonianze visive del successo che il brigante italiano come icona etnica ha ricevuto nell’Ottocento. La comparazione consente di fissare caratteri assai stabili nell’abbigliamento, temi ricorrenti, pur in una fatale diversificazione di stili e intenzionalità espressive.

7
. Archivio e Ascolto
Briganti all’opera (CD)
Le opere liriche principale disponibili e trascritte in schede da consultare: 12 Aree celebri tratte da Fra Diavolo (Auber), Les Brigands (Offenbach), Masnadieri (Verdi), Ernani (Verdi), Alessandro Stradella (Flotow).

8. Archivio
Briganti in rime da cantastorie
In consultazione testi poetici che hanno avuto grande diffusione sin dal XV secolo. Sono libretti e fogli volanti che raccontano in versi la travagliata vita di briganti famosi.

9. Archivio e visione
Briganti al cinema in schede
In consultazione immagini, brani, indici, e commenti dei film sul brigantaggio.

10. Archivio
C’era una volta un brigante
In consultazione schede e ascolti di narrativa popolare: fiabe e racconti tratti dal repertorio delle regioni italiane.

11. Archivio fonti audiovisive
Narratori locali in video (3 DVD)
Racconti locali di rapimenti e bravate, di tesori sepolti e forse di nascosto ritrovati, di tradimenti vendicati, di amori tragici. “Storie” di ‘storie’ di storie sono passate di generazione in generazione, talvolta per via amicale, più spesso come lascito familiare. Chi le narra le ha ricevute come racconti veri da nonni e bisnonni, che a loro volta le avevano sentite dai loro padri, vissuti proprio “ai tempi di briganti”..

12. Archivio
Primo censimento dei Briganti
del Basso Lazio

In consultazione l’elenco in ordine alfabetico dei nomi dei briganti attivi nella zona 1796 e il 1870. Le brevi note biografiche (periodo di attività, paese di origine, banda di appartenenza e fonti) sono state redatte sulla base degli studi compiuti da storici locali . Si tratta di una prima anagrafe, un primo atto di riconoscimento: ad un tempo, avvio di una ricerca e gesto simbolico di accoglienza nel museo - memoriale di tutti, indistintamente.

13. Archivio
Autobiografie e testimonianze scritte di briganti
In consultazione sia le scritture biografiche dei pochi “briganti” (Michele Pezza, Antonio Gasbarone, Carmine Crocco, Michele di Gé, Giovanni Tolu) che hanno lasciato memoriali in prima o terza persona, sia biglietti e bigliettini (richieste di riscatto, proclami, minacce, ..) sequestrati dalle autorità.

14. Archivio fonti audiovisive
I luoghi di Fra’ Diavolo (DVD)
Un itinerario - narrato da testimoni appassionati - nei luoghi della storia e dalla leggenda del famoso guerrigliero Michele Pezza detto Fra’ Diavolo.

15. Archivio fornti audiovisive
Fortuna e memoria di Fra’ Diavolo ad Itri
Passati due secoli di storia, i compaesani di Michele Pezza detto Fra’ Diavolo ricordano le sue gesta ed esprimono interpretazioni contrastanti

16. Archivio fonti audiovisive
Collezionisti e storici locali raccontano (DVD)
Studiosi di storia locale del Basso Lazio offrono la loro testimonianza in video nel ricostruire profili di briganti della zona e nell’informarci sulle motivazione che portano a ricostruire la verità e a raccogliere cimeli di un compaesano – talora di un parente - che ha vissuto una vita estrema e bizzarre.

17. Archivio sonoro
La ballata del brigante (CD)
Canzoni e canzonette, narrazioni cantate, struggenti, patetiche oppure ironiche o inneggianti, sono le ballate che in molte parti del mondo eleggono ad eroe il bandito.
 

Museo del Brigantaggio - Corso Appio Claudio, 268 - 04020 ITRI (LT) Tel. 0771 721061 | Fax 0771 721108

restyling: TRE BIT Comunicazione